Disposizioni in materia di lavoro notturno (Decreto Legislativo 26 Novembre 1999 n. 532)

Art. 1

( Campo di applicazione. )
    1. Il presente decreto si applica a tutti i datori di lavoro pubblici e privati che utilizzino lavoratori e lavoratrici con prestazioni di lavoro notturno, ad eccezione di quelli operanti nei settori del trasporto aereo, ferroviario, stradario, marittimo, della navigazione interna, della pesca in mare, delle altre attività in mare, nonché delle attività dei medici in formazione. Nei confronti del personale dirigente e direttivo, del personale addetto ai servizi di collaborazione familiare e dei lavoratori addetti al culto dipendenti da enti ecclesiastici o da confessioni religiose, non trova applicazione la disposizione di cui all’Art.4.

 

    1. Nei riguardi delle forze armate e di polizia, dei servizi di protezione civile, ivi compresi quelli del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, nonché nell’ambito delle strutture giudiziarie, penitenziarie, di quelle destinate per finalità istituzionali alle attività degli organi con compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica, le norme del presente decreto sono applicate tenendo conto delle particolari esigenze connesse al servizio espletato e per la specifica disciplina del rapporto di impiego, con le modalità individuate con decreto del Ministro competente, di concerto con i Ministri del lavoro e della previdenza sociale, della sanità, del tesoro, del bilancio e della programmazione economica e per la funzione pubblica, da emanarsi entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

 

Art. 2

( Definizioni. )
    1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto si intende per:
      1. lavoro notturno: l’attività svolta nel corso di un periodo di almeno sette ore consecutive comprendenti l’intervallo fra la mezzanotte e le cinque del mattino;
      2. lavoratore notturno:
          1. qualsiasi lavoratore che durante il periodo notturno svolga, in via non eccezionale, almeno tre ore del suo tempo di lavoro giornaliero;
          2. qualsiasi lavoratore che svolga, in via non eccezionale, durante il periodo notturno almeno una parte del suo orario di lavoro normale secondo le norme definite dal contratto collettivo nazionale di lavoro. In difetto di disciplina collettiva è considerato lavoratore notturno qualsiasi lavoratore che svolga lavoro notturno per un minimo di ottanta giorni lavorativi all’anno; il suddetto limite minimo è riproporzionato in caso di lavoro a tempo parziale.

         

    2. I contratti collettivi individuano le condizioni e i casi di eccezionalità nell’adibizione al lavoro notturno di cui al co. 1, lettere a) e b) .

 

Art. 3

( Limitazioni al lavoro notturno. )
    1. Sono adibiti al lavoro notturno con priorità assoluta i lavoratori e le lavoratrici che ne facciano richiesta, tenuto conto delle esigenze organizzative aziendali.

 

    1. Fuori dei casi previsti dall’Art.5, commi 1 e 2, della legge 9 dicembre 1977, n. 903, come sostituito dall’Art.17, co. 1, della legge 5 febbraio 1999, n. 25, e dall’Art.15 del D. Lgs. 4 agosto 1999, n. 345, la contrattazione collettiva può determinare ulteriori limitazioni all’effettuazione del lavoro notturno, ovvero ulteriori priorità rispetto a quelle di cui al co. 1.

 

Art. 4

( Durata della prestazione. )
    1. L’orario di lavoro dei lavoratori notturni non può superare le otto ore nelle ventiquattro ore, salvo l’individuazione da parte dei contratti collettivi, anche aziendali, che prevedano un orario di lavoro plurisettimanale, di un periodo di riferimento piè ampio sul quale calcolare come media il suddetto limite. È fatto salvo quanto previsto dall’Art.10 della legge 19 gennaio 1955, n. 25 (1).

 

    1. Entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, previa consultazione delle organizzazioni sindacali nazionali di categoria comparativamente piè rappresentative e delle organizzazioni nazionali dei datori di lavoro, viene stabilito un elenco delle lavorazioni che comportano rischi particolari o rilevanti tensioni fisiche o mentali, il cui limite è di otto ore nel caso di ogni periodo di ventiquattro ore.

 

    1. Il periodo minimo di riposo settimanale di cui agli articoli 1 e 3 della legge 22 febbraio 1934, n. 370, non viene preso in considerazione per il computo della media se cade nel periodo di riferimento stabilito dai contratti collettivi di cui al co. 1.

 

Art. 5

( Tutela della salute. )
  1. 1. I lavoratori notturni devono essere sottoposti a cura e a spese del datore di lavoro, per il tramite del medico competente di cui all’Art.17 del D. Lgs. 19 settembre 1994, n. 626, come modificato dal D. Lgs. 19 marzo 1996, n. 242:
      1. ad accertamenti preventivi volti a constatare l’assenza di controindicazioni al lavoro notturno a cui sono adibiti;
      2. ad accertamenti periodici almeno ogni due anni per controllare il loro stato di salute;
      3. ad accertamenti in caso di evidenti condizioni di salute incompatibili con il lavoro notturno.

     

Art. 6

( Trasferimento al lavoro diurno. )
    1. Nel caso in cui sopraggiungano condizioni di salute che comportano l’inidoneità alla prestazione di lavoro notturno, accertata tramite il medico competente, è garantita al lavoratore l’assegnazione ad altre mansioni o altri ruoli diurni.

 

    1. La contrattazione collettiva definisce le modalità di applicazione delle disposizioni di cui al co. 1 e individua le soluzioni nel caso in cui l’assegnazione prevista dal citato co. non risulti applicabile.

 

Art. 7

( Riduzione dell’orario di lavoro e maggiorazione retributiva. )
    1. La contrattazione collettiva stabilisce la riduzione dell’orario di lavoro normale settimanale e mensile nei confronti dei lavoratori notturni e la relativa maggiorazione retributiva.

 

    1. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale provvede a verificare periodicamente, e almeno annualmente, le disposizioni introdotte dai contratti collettivi nazionali ai sensi del co. 1.

 

Art. 8

( Rapporti sindacali. )
    1. L’introduzione del lavoro notturno è preceduta dalla consultazione delle rappresentanze sindacali unitarie, ovvero delle rappresentanze sindacali aziendali e, in mancanza, delle associazioni territoriali di categoria aderenti alle confederazioni dei lavoratori comparativamente piè rappresentative sul piano nazionale; la consultazione è effettuata e conclusa entro sette giorni a decorrere dalla comunicazione del datore di lavoro.

 

Art. 9

( Doveri di informazione. )
    1. Il datore di lavoro, prima dell’adibizione al lavoro, informa i lavoratori notturni e il rappresentante della sicurezza sui maggiori rischi derivanti dallo svolgimento del lavoro notturno, ove presenti.

 

    1. Il datore di lavoro garantisce l’informazione sui servizi per la prevenzione e la sicurezza, nonché la consultazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, ovvero delle organizzazioni sindacali di cui all’Art.8, per le lavorazioni che comportano i rischi particolari di cui all’Art.4, co. 2.

 

Art. 10

( Comunicazione del lavoro notturno. )
    1. Il datore di lavoro informa per iscritto la direzione provinciale del lavoro – settore ispezione del lavoro, competente per territorio, con periodicità annuale, dell’esecuzione di lavoro notturno svolto in modo continuativo o compreso in regolari turni periodici, quando esso non sia previsto dal contratto collettivo; tale informativa va estesa alle organizzazioni sindacali di cui all’Art.8. Resta fermo quanto previsto dall’Art.12 del regio decreto 10 settembre 1923, n. 1955.

 

Art. 11

( Regolamenti. )
    1. Durante il lavoro notturno il datore di lavoro garantisce, previa informativa alle rappresentanze sindacali di cui all’Art.8, un livello di servizi e di mezzi di prevenzione o di protezione adeguati alle caratteristiche del lavoro notturno e assicura un livello di servizi equivalente a quello previsto per il turno diurno.

 

    1. Il datore di lavoro, previa consultazione con le rappresentanze sindacali di cui all’Art.8, dispone, ai sensi degli articoli 40 e seguenti del D. Lgs. 19 settembre 1994, n. 626, per i lavoratori notturni che effettuano le lavorazioni che comportano rischi particolari di cui all’elenco definito dall’Art.4, co. 2, appropriate misure di protezione personale e collettiva.

 

    1. I contratti collettivi possono prevedere modalità e specifiche misure di prevenzione relativamente alle prestazioni di lavoro notturno di particolari categorie di lavoratori, quali quelle individuate con riferimento alla legge 5 giugno 1990, n. 135, e alla legge 26 giugno 1990, n. 162.

 

Art. 12

( Sanzioni. )
  1. Il datore di lavoro e il dirigente sono puniti:
      1. con la sanzione di cui all’Art.89, co. 2, lettera a) , del D. Lgs. 19 settembre 1994, n. 626, per la violazione della disposizione di cui all’Art.5;
      2. con la sanzione amministrativa da L. 100.000 a L. 300.000 per ogni giorno e per ogni lavoratore adibito al lavoro notturno oltre i limiti temporali di cui all’Art.4.

     

(1) Comma integrato dall’Art.21 della l. 3 febbraio 2003, n. 14.


Vedi Argomenti