News

04 Marzo 2024 - Normativa

Lavoro irregolare e appalti: pubblicato il Decreto-legge 2 marzo 2024, n. 19 | ADLABOR

Pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2024, il Decreto-legge 2 marzo 2024, n. 19, con ulteriori disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

Per quanto riguarda la materia lavoro, le disposizioni di maggior interesse riguardano le modifiche apportate agli articoli 29 (Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto del lavoro irregolare), 30 (misure per il rafforzamento dell’attività di accertamento e di contrasto delle violazioni in ambito contributivo) e 31 (Ulteriori disposizioni urgenti in materia di lavoro) del Decreto legislativo 276/2003.

In particolare, per quanto concerne l’articolo 29 le modifiche prevedono adesso:

  • l’applicazione, ai lavoratori presenti nell’appalto, di un trattamento economico complessivo non inferiore a quello previsto dal CCNL e territoriale maggiormente applicato nel settore e per la zona il cui ambito di applicazione sia strettamente connesso con l’attività oggetto dell’appalto;
  • l’estensione della responsabilità solidale del committente anche nelle ipotesi dell’utilizzatore che ricorra alla somministrazione di prestatori di lavoro da parte di soggetti non autorizzati, nonché ai casi di appalto e di distacco privi dei requisiti previsti dalle rispettive norme di riferimento.

Questo il nuovo testo dell’articolo 29 del Decreto legislativo 276/2003 (le modifiche sono evidenziate in grassetto):

Art. 29 Appalto

  1. Ai fini della applicazione delle norme contenute nel presente titolo, il contratto di appalto, stipulato e regolamentato ai sensi dell’articolo 1655 del codice civile, si distingue dalla somministrazione di lavoro per la organizzazione dei mezzi necessari da parte dell’appaltatore, che può anche risultare, in relazione alle esigenze dell’opera o del servizio dedotti in contratto, dall’esercizio del potere organizzativo e direttivo nei confronti dei lavoratori utilizzati nell’appalto, nonché per la assunzione, da parte del medesimo appaltatore, del rischio d’impresa.

1-bis. Al personale impiegato nell’appalto di opere o servizi e nell’eventuale subappalto è corrisposto un trattamento economico complessivo non inferiore a quello previsto dal contratto collettivo nazionale e territoriale maggiormente applicato nel settore e per la zona il cui ambito di applicazione sia strettamente connesso con l’attività oggetto dell’appalto.

  1. In caso di appalto di opere o di servizi, il committente imprenditore o datore di lavoro è obbligato in solido con l’appaltatore, nonché con ciascuno degli eventuali subappaltatori entro il limite di due anni dalla cessazione dell’appalto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi, comprese le quote di trattamento di fine rapporto, nonché i contributi previdenziali e i premi assicurativi dovuti in relazione al periodo di esecuzione del contratto di appalto, restando escluso qualsiasi obbligo per le sanzioni civili di cui risponde solo il responsabile dell’inadempimento. Il committente che ha eseguito il pagamento è tenuto, ove previsto, ad assolvere gli obblighi del sostituto d’imposta ai sensi delle disposizioni del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e può esercitare l’azione di regresso nei confronti del coobbligato secondo le regole generali. Il presente comma si applica anche nelle ipotesi dell’utilizzatore che ricorra alla somministrazione di prestatori di lavoro nei casi di cui all’articolo 18, comma 2, nonché ai casi di appalto e di distacco di cui all’articolo 18, comma 5-bis.
  2. L’acquisizione del personale già impiegato nell’appalto a seguito di subentro di nuovo appaltatore dotato di propria struttura organizzativa e operativa, in forza di legge, di contratto collettivo nazionale di lavoro o di clausola del contratto d’appalto, ove siano presenti elementi di discontinuità che determinano una specifica identità di impresa, non costituisce trasferimento d’azienda o di parte d’azienda.

3-bis. Quando il contratto di appalto sia stipulato in violazione di quanto disposto dal comma 1, il lavoratore interessato puo’ chiedere, mediante ricorso giudiziale a norma dell’articolo 414 del codice di procedura civile, notificato anche soltanto al soggetto che ne ha utilizzato la prestazione, la costituzione di un rapporto di lavoro alle dipendenze di quest’ultimo. In tale ipotesi si applica il disposto dell’articolo 27, comma 2.

3-ter. Fermo restando quando previsto dagli articoli 18 e 19, le disposizioni di cui al comma 2 non trovano applicazione qualora il committente sia una persona fisica che non esercita attività di impresa o professionale.

29 Febbraio 2024 - Normativa

Decreto Legge Milleproroghe – Conversione in legge – Proroga disciplina temporanea contratti a tempo determinato | ADLABOR

La Legge n. 18/2024 che ha convertito con modificazioni, il D.L. 30 dicembre 2023, n. 215, c.d. “Milleproroghe”, è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 28 febbraio 2024.

In ambito lavoristico, il decreto “Milleproroghe” oggetto di conversione è intervenuto (art. 18 comma 4 bis) prorogando al 31 dicembre 2024 la possibilità per le aziende di avviare un contratto a tempo determinato oltre i 12 mesi senza causali (qualora non siano presenti dei casi previsti dalla contrattazione collettiva)  a condizione però di indicare le “esigenze di natura tecnica, organizzativa o produttiva individuate dalle partiche motivino l’adozione del contratto a termine.

 

28 Febbraio 2024 - Normativa

Conservazione e-mail dipendenti – Rinviata l’entrata in vigore delle linee guida del Garante della Privacy | ADLABOR

Il Garante per la protezione dei dati personali con provvedimento n. 127 del 22 febbraio 2024, ha sospeso il suo precedente provvedimento sulla conservazione dei metadati degli account dei servizi di posta elettronica dei lavoratori (giorno, ora, mittente, destinatario, oggetto, dimensione dell’e-mail) indicato in 7 giorni, estensibili di 48 ore per comprovate esigenze ed ha avviato una consultazione con cui datori di lavoro pubblici e privati, esperti della disciplina di protezione dei dati e tutti i soggetti interessati avranno a disposizione 30 giorni, a partire dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale, per inviare al Garante le proprie osservazioni, i commenti, le informazioni, le proposte e tutti gli elementi ritenuti utili, tramite posta ordinaria o alle caselle [email protected] oppure [email protected].

22 Febbraio 2024 - Normativa

Online il nuovo servizio whatsApp ‘INPS per tutti’ | ADLABOR

L’INPS informa che è attivo “INPS per tutti”, il canale WhatsApp ufficiale dell’Istituto dedicato a imprese, pensionati, lavoratori, famiglie e cittadini.

Il servizio proporrà almeno cinque contenuti a settimana sulle tematiche di più stretta attualità e di maggiore interesse per gli utenti INPS, con l’obiettivo di garantire informazioni sempre più tempestive, semplici e accessibili sui diversi temi legati alla previdenza sociale: pensioni, sostegni alle famiglie, bonus, indennità, cassa integrazione, contributi e molti altri.

I messaggi saranno contraddistinti da elementi grafici di colore diverso in base ai temi oggetto delle comunicazioni:

  • verde per imprese e liberi professionisti;
  • giallo per le informazioni a tema lavoro;
  • arancione per i messaggi a tema pensione e previdenza;
  • rosso per argomenti come sostegni, sussidi e indennità;
  • blu per le comunicazioni di carattere istituzionale come eventi o osservatori.

Una volta entrati nella chat, gli utenti potranno leggere i messaggi inviati dall’Istituto, cliccare sui link e reagire ai post utilizzando emoji, ma non potranno inviare risposte o chiedere informazioni.

Il canale, inoltre, garantisce la totale riservatezza degli utenti, che avranno la certezza dell’autorevolezza delle informazioni.

È possibile iscriversi al canale WhatsApp “INPS per tutti” attraverso questo link: https://www.whatsapp.com/channel/0029VaPPgwX3rZZXc88ZQM34.

21 Febbraio 2024 - Normativa

Tabelle INAIL malattie professionali industria e agricoltura – Revisione | ADLABOR

L’Inail ha pubblicato la circolare n. 7 del 15 febbraio 2024, con la quale, informa circa l’intervenuta revisione delle tabelle delle malattie professionali nei settori dell’industria e dell’agricoltura.

Le nuove tabelle conservano la struttura a tre colonne che consente di qualificare come malattia professionale tabellata quando sono rispettati contemporaneamente i contenuti delle tre colonne, riferiti alla malattia stessa.

Segnaliamo in particolare che:

  • nella prima colonna sono elencate le malattie raggruppate per agente causale. Le malattie nosologicamente definite sono identificate dal codice ICD-10 (International statistical classification of diseases and related health problems 10th Revision);
  • nella seconda colonna è indicata, per la gran parte delle malattie, la locuzione “lavorazioni che espongono all’azione di…”, seguita dall’indicazione dell’agente causale al quale riferire la malattia tabellata. Per alcune malattie è invece precisata la specifica lavorazione, come per esempio nell’ipoacusia da rumore;
  • nella terza colonna, infine, è riportato, come per le precedenti tabelle, il periodo massimo di indennizzabilità dalla cessazione della lavorazione.

Sul piano operativo, a fronte della richiesta di riconoscimento di una malattia professionale “tabellata”, la presunzione legale d’origine opera laddove siano accertate contemporaneamente:

  • l’esistenza della patologia nosologicamente indicata;
  • l’adibizione abituale e sistematica alla lavorazione indicata in tabella;
  • la manifestazione della malattia entro il periodo massimo di indennizzabilità.

L’Inail potrà superare la presunzione legale d’origine professionale della patologia certificata solo ed esclusivamente dimostrando una o più delle seguenti condizioni:

  • l’assenza o la non corrispondenza della patologia nosologicamente indicata in tabella;
  • che il lavoratore non abbia svolto in maniera abituale e sistematica la lavorazione tabellata e cioè che l’assicurato sia stato addetto alla lavorazione in maniera prolungata ossia in modo duraturo, per un periodo di tempo sufficientemente idoneo a causare la patologia.;
  • che il lavoratore non sia stato esposto concretamente all’azione dell’agente causale connesso alla lavorazione tabellata, in misura idonea a cagionare la patologia accertata;
  • che la patologia sia riconducibile in via diretta ed esclusiva ad altra causa extralavorativa;
  • che la malattia si sia manifestata oltre il periodo massimo di indennizzabilità. Di fatto, la manifestazione della malattia oltre il periodo massimo di indennizzabilità esclude la possibilità di riconoscerla come tabellata.
20 Febbraio 2024 - Normativa

CCNL studi professionali – Rinnovo | ADLABOR

Venerdì 16 febbraio 2024 Confprofessioni ha sottoscritto, con le organizzazioni sindacali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, l’ipotesi di rinnovo del contratto, scaduto nel 2018, che ha una durata triennale e coinvolge circa 600mila dipendenti degli studi e delle attività professionali.

In particolare, l’ipotesi di rinnovo prevede:

  • Durata e vigenza: dal 1° marzo 2024 al 28 febbraio 2027;
  • Aumento contrattuale: di 215 euro mensili a regime per il terzo livello, da riparametrare per gli altri livelli. Previste quattro tranche di erogazione: 105 euro con la retribuzione del mese di marzo 2024; 45 euro con la retribuzione del mese di ottobre 2024; 45 euro con la retribuzione del mese di ottobre 2025; 20 euro con la retribuzione del mese di dicembre 2026;
  • Una tantum: pari a 400 euro, sarà erogata in due tranche: 200 euro a maggio 2024 e 200 euro a maggio 2025;
  • Classificazione del personale: previste nuove figure professionali: in ragione della dinamicità del settore e della importante innovazione tecnologica e digitale che lo investe;
  • Contrattazione decentrata: anche a livello aziendale. A livello territoriale saranno inoltre costituiti gli sportelli dell’Ente Bilaterale Nazionale EBIPRO, a cui saranno affidati compiti di promozione e gestione dei servizi dell’ente Bilaterale nazionale;
  • Assistenza sanitaria integrativa: per quella erogata da Cadiprof vi sarà un incremento di 5 euro del contributo al fine di introdurre nuove prestazioni anche a vantaggio dei familiari dei dipendenti degli studi professionali. Il testo conferma e precisa ulteriormente le coperture delle prestazioni erogate dalla bilateralità anche in favore delle figure con rapporto di lavoro autonomo non titolari;
  • Apprendistato professionalizzante: potrà essere utilizzato come strumento valido per il praticantato;
  • Assunzione a tempo determinato: previste due specifiche causali che la permettono fino a 24 mesi per incarichi temporanei superiori ai 12 mesi o nei casi di nuove attività. Viene altresì ridotto il periodo di raggiungimento del livello di inquadramento per le assunzioni con il contratto di reimpiego;
  • Lavoro agile: recepiti e implementati gli accordi interconfederali per agevolare l’utilizzo all’interno degli studi professionali;
  • Formazione: sancito il diritto individuale soggettivo in capo ai lavoratori per l’accesso ai percorsi di formazione delle figure con rapporto di lavoro autonomo non titolari, anche erogati dal Fondo interprofessionale di settore Fondoprofessioni;
  • Permessi retribuiti: il miglioramento della normativa per le donne vittime di violenza e implementa i permessi per il diritto allo studio e quelli per la tutela della salute (è stata introdotta una giornata l’anno di permesso retribuito per la prevenzione);
  • Sostegno alla genitorialità: a far data dal 1° gennaio 2025, il trattamento di maternità obbligatoria a carico del datore di lavoro sarà del 90% della retribuzione.

Le Parti hanno inoltre sottoscritto gli allegati, a corredo dell’accordo di rinnovo contrattuale; di particolare rilevanza l’accordo in tema di relazioni sindacali, che implementa e integra il testo contrattuale definendo nuove agibilità, e quello afferente la regolamentazione della figura del CSO (collaboratore di studio odontoiatrico).

19 Febbraio 2024 - Normativa

Anpal: soppressione e trasferimento funzioni al Ministero del Lavoro | ADLABOR

E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 35 del 15 febbraio 2024 il DPCM n. 230 del 22 novembre 2023, con il Regolamento di riorganizzazione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e degli Uffici di diretta collaborazione.

A seguito della pubblicazione del DPCM, l’Agenzia nazionale politiche attive del lavoro (ANPAL) è soppressa, con decorrenza dal 1° marzo 2024. Le funzioni di Anpal sono attribuite al Ministero del lavoro.

Per le richieste di informazione e di supporto tecnico resta operativo il Nul – Numero unico del lavoro, contattabile sia tramite telefono al numero verde 800.00.00.39 sia online tramite il modulo di contatto, scaricabile da https://www.anpal.gov.it/modulo-di-contatto

15 Febbraio 2024 - Normativa

EASY INPS – Servizio per la risoluzione delle anomalie | ADLABOR

L’INPS, con il messaggio n. 666 del 13 febbraio 2024, comunica di aver realizzato il progetto denominato “EASY INPS – Servizio rivolto ad intermediari e datori di lavoro per la risoluzione delle anomalie” che si concentra, in questa prima fase, sulle “Note di Rettifica” (quelle con periodo di competenza da agosto 2023).

In particolare, attraverso una innovativa modalità di comunicazione, è possibile fornire una “consulenza automatizzata”, con la quale vengono fornite specifiche informazioni e puntuali indicazioni, utili alla comprensione e alla definizione della “Nota di Rettifica”.

La nuova funzionalità si integra all’interno del Portale Contributivo, consentendo di visualizzare le relative risultanze in diversi punti di interazione, e si basa sulla possibilità di utilizzare le informazioni già presenti in procedura, rendendole fruibili tramite una struttura decodificata, che renda “parlanti” le cause che hanno determinato un diverso calcolo rispetto a quanto dichiarato nella denuncia contributiva (flussi UniEmens).

A tale fine, è stata implementata la funzione di consultazione delle “Note di Rettifica”, mediante l’inserimento di una nuova colonna denominata “Causa”. Tale specifica permette di identificare in maniera immediata, tramite l’utilizzo di appositi simboli, le categorie di cause che hanno determinato l’emissione della “Nota di Rettifica” (macro-cause).

Al riguardo, sono state quindi identificate diverse tipologie, riconducibili alle seguenti categorie:

  • Sanzioni;
  • Differenze contributive per irregolarità (Durc);
  • Esiti non definiti di controlli relativi a Durc e Cig (Rettifiche Provvisorie);
  • Differenze contributive per Cassa Integrazione/Fondi;
  • Differenze contributive su aliquota applicata;
  • Differenze contributive per altre cause.

In particolare, nell’ambito del dettaglio della singola “Nota di Rettifica”, è stato aggiunto il tab “Cause”, selezionando il quale è possibile visualizzare, per ogni codice oggetto della differenza, una breve descrizione della causa e il relativo importo. Cliccando nella corrispondente colonna di dettaglio, saranno resi visibili il messaggio di errore per esteso, completo dei dati e delle indicazioni utili per la risoluzione della problematica.

Lo sviluppo e l’integrazione di ulteriori funzioni, riconducibili al progetto “EASY INPS”, sono in fase di continua evoluzione, pertanto le singole macro-cause verranno messe a disposizione degli utenti in maniera graduale.

In particolare, in questa primo rilascio, è possibile consultare le prime tre macro-cause di cui all’elencazione sopra riportata (Sanzioni, Differenze contributive per irregolarità (Durc) ed Esiti non definiti di controlli relativi a Durc e Cig (Rettifiche Provvisorie).

Al messaggio è allegato il Manuale utente.

09 Febbraio 2024 - Normativa

Visita medica a seguito di assenza per malattia superiore a 60 giorni per motivi di salute. È sempre obbligatoria? – Interpello n. 1/2024 Min. Lav. | ADLABOR

Il Ministero del Lavoro, con la risposta ad interpello n. 1/2024, ha fornito un’interpretazione della normativa secondo cui la visita medica del lavoratore, precedente alla ripresa dell’attività lavorativa al fine di verificare l’idoneità alla mansione, dopo un’assenza per malattia di durata superiore a sessanta giorni continuativi, è obbligatoria  solo se per la mansione  a cui viene in concreto assegnato il dipendente sussiste l’obbligo della sorveglianza sanitaria.

 

 

08 Febbraio 2024 - Normativa

Importi massimi mensili dei trattamenti d’integrazione salariale e Naspi anno 2024 – Circ. INPS n. 25 del 29.1.2024 | ADLABOR

L’Inps con Circolare n° 25 del 29 gennaio 2024 comunica gli importi massimi dei trattamenti di integrazione salariale e di indennità di disoccupazione Naspi per l’anno 2024.

 A. Trattamenti di integrazione salariale

Valori aggiornati dei massimali previsti per l’anno 2024, al lordo ed al netto della trattenuta pari all’aliquota contributiva del 5,84%, relativi ai trattamenti di integrazione salariale.

Valore lordo Valore netto
Euro 1.392, 89 Euro 1.311,56

B. Trattamenti di integrazione salariale – Settore edile

Per il settore edile e lapideo, nel caso di integrazioni salariali per intemperie stagionali, è previsto che i suddetti valori del massimale mensile siano aumentati del 20%, per cui i tetti applicabili risultano i seguenti:

Valore lordo Valore netto
Euro 1.671,48 Euro 1.573,86

C. Indennità di disoccupazione NASPI

La retribuzione da prendere a riferimento per il calcolo delle indennità di disoccupazione NASpI è pari, per il 2024, ad Euro 1.425,21.

L’importo massimo mensile di detta indennità, per la quale non opera la riduzione del 5,84% a carico del dipendente, è pari, per l’anno 2024, ad Euro 1.550,42.

D. Fondo credito

Con riferimento all’assegno ordinario per il Fondo del credito, i massimali sono così fissati:

  • 1.377,31 euro, per retribuzioni inferiore a 2.535,95 euro;
  • 1.587,52 euro, per retribuzioni comprese tra 2.535,95 euro e 4.008,71 euro;
  • 2.005,56 euro, per retribuzioni superiori a 4.008,71 euro.

Per l’assegno emergenziale, invece, l’importo si differenzia in base alla retribuzione tabellare annua lorda:

  • se inferiore a 48.564,78 euro, l’importo netto è pari a 2.671,11 euro (mentre l’importo lordo è di 2.836,78 euro);
  • per retribuzioni comprese tra 48.564,78 euro e 63.900,07 euro, l’importo lordo è pari a 3.195,61 euro;
  • se la retribuzione lorda è superiore a 63.900,07 euro, l’importo lordo è di 4.472,65 euro.

E. Fondo credito cooperativo

L’importo dell’assegno emergenziale del Fondo credito cooperativo, si differenzia in base alla retribuzione tabellare annua lorda, come di seguito indicato:

  • se inferiore a 45.910,43 euro, l’importo netto è pari a 2.561,91 euro (mentre l’importo lordo è di 2.720,80 euro);
  • per retribuzioni compresi tra 45.910,43 euro e 64.032,97 euro, l’importo è pari a 3.659,53 euro;
  • se la retribuzione lorda è superiore a 64.032,97 euro, l’importo è di 4.256,38 euro.

F. Indennità di disoccupazione DIS-COLL

Per quanto concerne la DIS-COLL, la retribuzione da prendere a riferimento per il calcolo della prestazione è pari a 1.425,21 euro per il 2024.

L’importo massimo mensile di detta indennità non può in ogni caso superare, per il 2024, a 1.550,42 euro.

G. Indennità di disoccupazione a favore dei lavoratori autonomi dello spettacolo (ALAS).

La retribuzione da prendere a riferimento per il calcolo dell’indennità di disoccupazione ALAS è pari a 1.425,21 euro per il 2024.

L’importo massimo mensile di detta indennità non può in ogni caso superare, per il 2024, 1.550,42 euro.

error: Content is protected !!