23 Agosto 2017

Articolo “Tempi non lavorativi e retribuzione”

Aspetto essenziale del rapporto di lavoro subordinato è il sinallagma “prestazione lavorativa-retribuzione”. Indissolubilmente legato al concetto  di prestazione lavorativa è poi l’orario di lavoro, definito dall’art. 1, D.Lgs. n. 66/2003 come “qualsiasi periodo in cui il lavoratore sia al lavoro, a disposizione del datore di lavoro e nell’esercizio della sua attività o delle sue funzioni”.Vi sono però alcune fasi del rapporto di lavoro in cui non è facile comprendere se le tre condizioni indicate dal legislatore (essere al lavoro, essere a disposizione del datore di lavoro ed essere nell’esercizio dell’attività lavorativa o delle funzioni) sono tutte soddisfatte contemporaneamente.

Sul n. 31/2017 di Diritto e Pratica del Lavoro è stato pubblicato l’articolo “Tempi non lavorativi e retribuzione” di Massimo Tommaso Goffredo e Vincenzo Meleca. L’articolo è stato poi ripreso dalla DPL di Modena, sul cui sito può essere consultato cliccando su:

http://www.dottrinalavoro.it/wp-content/uploads/2017/08/Tempi-non-lavorativi-e-retribuzione-WKI.pdf