14 Gennaio 2020

Buoni pasto 2020: cosa cambia

Buoni pasto 2020: le nuove regole per l’esenzione contributiva e fiscale

L’articolo 1 comma 677 della Legge n. 160/2019 (Legge di Bilancio 2020), modificando l’articolo 51 comma 2, lett. c) del DPR n. 917/1986 (Testo unico delle imposte sui redditi), prevede che dal 1° gennaio 2020 l’esenzione da contributi e tassazione per i buoni pasto diventi la seguente:

Restano altresì esenti ai fini contributivi e fiscali fino al valore giornaliero di 5,29 euro le indennità sostitutive delle somministrazioni di vitto corrisposte agli addetti ai cantieri edili, ad altre strutture lavorative a carattere temporaneo o ad unità produttive ubicate in zone dove manchino strutture o servizi di ristorazione.

Tali modifiche si applicano ai buoni pasto assegnati dal 1° gennaio 2020. Per quelli relativi al 2019 ed erogati ai dipendenti entro il 12 gennaio 2020 dovrebbe valere il cosiddetto “principio di cassa allargato”, in virtù del quale si ritengono applicabili i vecchi limiti pari rispettivamente a 5,29 e a 7 euro.

Restiamo comunque in attesa delle necessarie circolari dell’INPS e dell’Agenzia delle Entrate.